Commenti Politica internazionale - Home page
Politica internazionale
Pagina 1 di 2 [Pag 1] | [Pag 2] |
La guerra di Libia
Trew 21 Ott 2011 22:17
Alcune mie banali considerazioni sulla guerra di Libia:

1) La guerra di Libia è una guerra coloniale. Gli interessi di Francia,
Regno unito, Italia e Usa consistono nelle rendite petrolifere, se la
panzana della democrazia fosse vera avrebbero dichiarato guerra
all'Arabia Saudita da almeno 50 anni.

2) L'uccisione di Gheddafi non era affatto inevitabile. Andava catturato
e regolarmente processato, e avrebbe potuto raccontare cose
interessanti. Quindi è stato eliminato.

3) L'Italia ha accolto Gheddafi con baciamani, lauree honoris causa,
lezioni all'università con rettori compiacenti. Dopodiché il pagliaccio
Berlusconi , il fascio La Russa e il decano degli opportunisti
Napolitano hanno deciso di partecipare alla spedizione punitiva.
Avrebbero piuttosto dovuto dimettersi.

4) I "ribelli" non sono affatto democratici, ma dei tagliagole della
stessa risma di Gheddafi. O diventeranno dei corrotti fantocci
dell'Occidente, o evolveranno in fanatici islamisti. Spero di sbagliarmi.






Repliche totali: 24 | Visualizza messaggio singolo

 
Namib 21 Ott 2011 22:35
Il 21/10/2011 22:17, Trew ha scritto:

> Alcune mie banali considerazioni sulla guerra di Libia:
>
> 1) La guerra di Libia è una guerra coloniale.

Hai ragione: sono banali.

--

Namib

"Per realitatem et perfectionem idem intelligo" (Baruch Spinoza)

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Finanziatore di Luca Logi 21 Ott 2011 23:18
Trew <user@domain.invalid> wrote:
> Alcune mie banali considerazioni sulla guerra di Libia:
>
> 1) La guerra di Libia è una guerra coloniale.

Ovviamente.

> 2) L'uccisione di Gheddafi non era affatto inevitabile. Andava catturato
> e regolarmente processato, e avrebbe potuto raccontare cose interessanti.
> Quindi è stato eliminato.

Mah. Possibile ma non è detto.

> 3) L'Italia ha accolto Gheddafi con baciamani, lauree honoris causa,
> lezioni all'università con rettori compiacenti. Dopodiché il pagliaccio
> Berlusconi , il fascio La Russa e il decano degli opportunisti Napolitano
> hanno deciso di partecipare alla spedizione punitiva. Avrebbero piuttosto
> dovuto dimettersi.

L'Italia è in una delle posizioni più ridicole ma anche la Francia non
scherza.

> 4) I "ribelli" non sono affatto democratici, ma dei tagliagole della
> stessa risma di Gheddafi. O diventeranno dei corrotti fantocci
> dell'Occidente, o evolveranno in fanatici islamisti. Spero di sbagliarmi.

Potrebbero benissimo essere entrambe le cose. Anzi imho è la cosa più
obabile, almeno per un po'.


--

recoil is insignificant when there is a tiger on the head of your elephant

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Persio 22 Ott 2011 00:25
Il 21/10/2011 22:17, Trew ha scritto:
> Alcune mie banali considerazioni sulla guerra di Libia:
>
> 1) La guerra di Libia è una guerra coloniale. Gli interessi di Francia,
> Regno unito, Italia e Usa consistono nelle rendite petrolifere, se la
> panzana della democrazia fosse vera avrebbero dichiarato guerra
> all'Arabia Saudita da almeno 50 anni.

Ovvio.

> 2) L'uccisione di Gheddafi non era affatto inevitabile. Andava catturato
> e regolarmente processato, e avrebbe potuto raccontare cose
> interessanti. Quindi è stato eliminato.

Boh, non credo che avrebbe potuto rivelare nulla di più di quello che
già sappiamo.

> 3) L'Italia ha accolto Gheddafi con baciamani, lauree honoris causa,
> lezioni all'università con rettori compiacenti. Dopodiché il pagliaccio
> Berlusconi , il fascio La Russa e il decano degli opportunisti
> Napolitano hanno deciso di partecipare alla spedizione punitiva.
> Avrebbero piuttosto dovuto dimettersi.

Non sarebbero quello che sono se si fossero dimessi.

> 4) I "ribelli" non sono affatto democratici, ma dei tagliagole della
> stessa risma di Gheddafi.

Non concordo: basi il tuo giudizio su standard culturali inapplicabili.

> O diventeranno dei corrotti fantocci
> dell'Occidente,
Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
נחום 22 Ott 2011 08:26
On 21 Ott, 23:25, Persio <persio.fla...@gmail.com> wrote:

> > 4) I "ribelli" non sono affatto democratici, ma dei tagliagole della
> > stessa risma di Gheddafi.
>
> Non concordo: basi il tuo giudizio su standard culturali inapplicabili.

"La democrazia non e' fatta per gli arabi" e' una delle espressioni
piu' razziste che capita di sentire. Di solito viene usata per
giustificare la riluttanza con cui i leader di Hamas o Fatah si
sottopongono al giudizio degli elettori. Quel pirla di Persio la
trasforma in un principio metafisico, valido da Rabat alle Filippine.

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Tonibaruch 2.0 22 Ott 2011 13:43
On Fri, 21 Oct 2011 22:17:18 +0200, Trew <user@domain.invalid> wrote:

>
>2) L'uccisione di Gheddafi non era affatto inevitabile. Andava catturato
>e regolarmente processato, e avrebbe potuto raccontare cose
>interessanti. Quindi è stato eliminato.

Non è vero. I tiranni devono essere abbattuti e ammazzati dal popolo
che hanno tiranneggiato.

>4) I "ribelli" non sono affatto democratici, ma dei tagliagole della
>stessa risma di Gheddafi. O diventeranno dei corrotti fantocci
>dell'Occidente, o evolveranno in fanatici islamisti. Spero di sbagliarmi

Nel caso gli buttiamo altre bombe.
--
On Mon, 12 Sep 2011 10:08:41 -0700 (PDT), Shylock
<shylock1975@hotmail.it>, il dhimmi nettachiappe taccagno ha scritto la seguente minchiata:

>Beh, per me sembrano finiti i tempi in cui, grazie all'euro forte mi
>conveniva di più cenare fuori che in casa.

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Trew 22 Ott 2011 13:46
Il 21/10/2011 22.35, Namib ha scritto:
> Il 21/10/2011 22:17, Trew ha scritto:
>
>> Alcune mie banali considerazioni sulla guerra di Libia:
>>
>> 1) La guerra di Libia è una guerra coloniale.
>
> Hai ragione: sono banali.

Lo so, ma non riesco a vedere il futuro raso quando ho davanti agli
occhi lo squallore del presente.


Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Namib 22 Ott 2011 13:53
Il 22/10/2011 13:46, Trew ha scritto:
> Il 21/10/2011 22.35, Namib ha scritto:
>> Il 21/10/2011 22:17, Trew ha scritto:
>>
>>> Alcune mie banali considerazioni sulla guerra di Libia:
>>>
>>> 1) La guerra di Libia è una guerra coloniale.
>>
>> Hai ragione: sono banali.
>
> Lo so, ma non riesco a vedere il futuro raso quando ho davanti agli
> occhi lo squallore del presente.

Ah, nemmeno io, se è per questo. In materia di "futuro raso", ho già
dato.
--

Namib

"Per realitatem et perfectionem idem intelligo" (Baruch Spinoza)

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Trew 22 Ott 2011 18:05
Il 21/10/2011 23.18, Finanziatore di Luca Logi ha scritto:
> Trew<user@domain.invalid> wrote:
>> Alcune mie banali considerazioni sulla guerra di Libia:
>>
>> 1) La guerra di Libia è una guerra coloniale.
>
> Ovviamente.
>
>> 2) L'uccisione di Gheddafi non era affatto inevitabile. Andava catturato
>> e regolarmente processato, e avrebbe potuto raccontare cose interessanti.
>> Quindi è stato eliminato.
>
> Mah. Possibile ma non è detto.

Gheddafi aveva forti interessi in Italia ed Europa. Mi chiedo dove andrà
a finire il suo capitale personale.

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Trew 22 Ott 2011 18:06
Il 22/10/2011 13.43, Tonibaruch 2.0 ha scritto:
> On Fri, 21 Oct 2011 22:17:18 +0200, Trew<user@domain.invalid> wrote:
>
>>
>> 2) L'uccisione di Gheddafi non era affatto inevitabile. Andava catturato
>> e regolarmente processato, e avrebbe potuto raccontare cose
>> interessanti. Quindi è stato eliminato.
>
> Non è vero. I tiranni devono essere abbattuti e ammazzati dal popolo
> che hanno tiranneggiato.

Per mettere al suo posto un collettivo di tiranni?

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Federico Antola 22 Ott 2011 21:46
On 21 Ott, 22:17, Trew <u...@domain.invalid> wrote:

> Alcune mie banali considerazioni sulla guerra di Libia:
>
> 1) La guerra di Libia è una guerra coloniale. Gli interessi di Francia,
> Regno unito, Italia e Usa consistono nelle rendite petrolifere, se la
> panzana della democrazia fosse vera avrebbero dichiarato guerra
> all'Arabia Saudita da almeno 50 anni.


> 2) L'uccisione di Gheddafi non era affatto inevitabile.

Verissimo. Certo, se lui resta a Sirte fino all'ultimo momento, si fa
circondare da migliaia di miliziani incazzati neri, magari proveniente
da Misurata... beh, le probabilità di uscirne vivo erano non
altissime.

Io non ne piango. Qualche madre e padre che piangono i figli morti a
Lockerbie potranno, forse, trovare un minimo elemento di consolazione
nel fatto che ha fatto una fine di .

Io, in effetti, ne trovo.

BTW Ha voluto combattere una guerra civile per mantenere il potere:
alla fine ha pagato il fio dell'o che lui stesso ha seminato.

> Andava catturato
> e regolarmente processato, e avrebbe potuto raccontare cose
> interessanti. Quindi è stato eliminato.

Beh, se la Francia ha servizi segreti così efficienti da telecomandare
le folle inferocite di miliziani libiche... beh, tanto di cappello
alla Direction Generale de Securitè Exterieure.

> 3) L'Italia ha accolto Gheddafi con baciamani, lauree honoris causa,
> lezioni all'università con
Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
Pagina 1 di 2 [Pag 1] | [Pag 2] |